Crea sito
//

le fette biscottate fatte in casa

Posted novembre 19th, 2015 by manimagiche

LE FETTE BISCOTTATE FATTE IN CASA

Ingredienti:

500 gr di farina 0

75 gr di zucchero

5 gr di sale

12 gr di lievito fresco

225 gr di acqua

1 albume

4 cucchiai di olio di semi

1 cucchiaino colmo di malto d’orzo

Per la spennellatura finale:

1 tuorlo

3 cucchiai di latte

Procedimento:
1. Sciogliere il lievito nell’acqua (Iniziate con 210 gr, casomai aggiungete il resto al bisogno, l’assorbimento dipende dalla farina) insieme al malto, lasciar riposare 4 o 5 minuti. Impastare tutti gli ingredienti ad eccezione del sale regolando la consistenza fino ad ottenere un impasto mediamente morbido, aggiungere il sale 5 minuti prima della fine della fase di impastamento, e impastare a mano o nella planetaria per circa 20 minuti fino a che l’impasto è bello elastico.
2. Far riposare l’impasto circa 30 minuti a temperatura ambiente, avendo cura di coprire con pellicola.
3. Suddividere in 3 pezzi, sgonfiare e dare forma arrotondata. Far riposare le pezzature circa 10/15 minuti.
4. Schiacciare, arrotolare stretto formando dei filoncini, avendo cura di sigillare bene alla fine della formatura e lasciando la parte sigillata sotto.
5. Poggiare su carta forno, spennellare con la miscela di tuorlo e latte e lasciar lievitare per circa 1 ora ad una temperatura di 28°circa.
6. A lievitazione ultimata pennellare di nuovo e cuocere in forno a 180/200° per circa 45 minuti, dopo 30 minuti, se la superficie è colorita bene, coprire con carta forno ed abbassare la temperatura a 180°.
7. Far raffreddare su una gratella
8. Far riposare i filoni ben coperti da un telo di cotone, per almeno 18/24h ore a temperatura fresca circa 18°/20°. Se non è possibile, comunque, nel luogo più fresco della casa
9. Affettare i filoni ad uno spessore di 8 mm e passare in forno caldo le fette ottenute a tostare a 160°/180° (secondo il vostro forno) per circa 50/60 minuti. Devono dorare bene, ma soprattutto, asciugarsi benissimo.
10. Far raffreddare le fette tostate in forno semiaperto, e, una volta fredde, chiuderle bene in sacchetti per alimenti o scatole di latta.

EDIT IMPORTANTE: io ho formato i filoncini come descritto al punto 4, poi poggiati direttamente su carta forno, e l’impasto si è mantenuto bene anche in cottura.
Prima di tagliare le fette, ho provveduto a “limare” lateralmente 2 o 3 mm. dei filoncini per fare in modo che la fetta avesse la forma classica.

Ma se si preferisce, meglio ancora sarebbe mettere i 3 filoncini o 2, dipende da quanto le volete grandi, dentro a dei piccoli stampi per plumacake imburrati (io non li avevo) anche quelli usa e getta della cuki.


edit del 6 luglio, 2011
: la tostatura come ho indicato nella ricetta, forse non è adatta a tutti i tipi di forno, provate con 140/160° max

Read more: http://aniceecannella.blogspot.com/2009/08/le-fette-biscottate-home-made.html#ixzz3rvVSvihr

 

tartarughe soffiate fatte in casa

Posted novembre 11th, 2015 by manimagiche

Riporto la ricetta delle tartarughe soffiate fatte in casa che ho trovato su internet

http://www.panperfocaccia.eu/forum/tartarughe-soffiate-ricetta-fotografie-t1906.html

 

Li ho fatti ed il risultato e davvero ottimo

PREPARAZIONE DELLA BIGA


150 GR DI FARINA 0 MOLTO FORTE W 420
150 GR DI ACQUA A TEMPERATURA AMBIENTE
10 GR DI LIEVITO DI BIRRA MOLTO FRESCO

PREPARAZIONE DELL’IMPASTO

LA BIGA FATTA PRECEDENTEMENTE MATURARE PER 24 ORE FUORI DAL FRIGORIFERO IN UNA TERRINA COPERTA DA PELLICOLA TRASPARENTE
600 GR DI FARINA 0 W 420
330 GR CIRCA DI ACQUA A TEMPERATURA AMBIENTE
25 GR DI MALTO DI ORZO IN POLVERE
2 CUCCHIAINI RASI DI SALE FINO

ESECUZIONE

Dopo aver fatto maturare la biga poolish, versarla in una capiente terrina assieme ai 600 gr di farina mescolata al malto e al sale fino.
Cominciare ad intridere con aggiunta molto graduale di acqua fino ad ottenere un impasto sufficientemente idratato, ma sodo e leggermente elastico.
Rovesciare l’impasto su di una tavola leggermente infarinata e cominciare ad impastare per almeno quindici minuti senza mai fermarvi.
Trascorso il tempo, lasciare riposare l’impasto per 30 minuti sulla tavola coprendolo con uno strofinaccio leggermente inumidito di acqua.
Riprendere l’impasto, lavorarlo nuovamente per circa dieci minuti e coprirlo nuovamente con uno strofinaccio leggermente inumidito di acqua e farlo riposare per altri 30 minuti.
Riprendere l’impasto, lavorarlo nuovamente per circa 20 minuti sbattendolo dall’alto verso il basso per almeno una decina di volte sulla superficie di lavoro.
Riprendere la ciotola dove avete precedentemente lavorato inizialmente l’impasto e porlo a riposare per 3 ore coperto da pellicola trasparente.
Al raddoppio del volume e comunque non prima delle 3 ore previste, estrarlo dalla ciotola e stenderlo in piccole sfoglie circolari del diametro di circa 7/8 cm e dello spessore di circa 1 cm.
Vaporizzare le sfogliette con acqua e fare riposare per 30 minuti circa.
Nel frattempo, preriscaldare il forno alla temperatura di 250°, prendere le sfoglie ed inciderne delicatamente la superficie con un cutter formando una scacchiera.
Vaporizzate ed infornate immediatamente, avendo cura di vaporizzare con acqua i panini ogni 2/3 minuti per i primi 15 minuti di cottura.
Trascorso il tempo iniziale, abbassare la temperatura a 180° e proseguire nella cottura, senza più vaporizzare, fino a quando le tartarughe non avranno assunto una bella colorazione bionda.
Estrarre dal forno i panini e farli raffreddare su di una grata al fine di favorire la dispersione del vapore acqueo

CENA TRA AMICI -CONCHIGLIONI RIPIENI

Posted ottobre 23rd, 2015 by manimagiche

CENA TRA AMICI -CONCHIGLIONI RIPIENIconchiglioni

 

 

I conchiglioni ripieni speck e noci sono un primo piatto semplice e raffinato, originale nella sua presentazione e perfetto per un’occasione speciale.

Questi conchiglioni sono farciti con una crema di ricotta e crescenza, qualche pezzettino di noce e avvolti con fette di speck.

Dopo un breve passaggio sotto al grill sono ottimi anche così, appena sfornati, come fingerfood. Ma ben si accompagnano ad una salsa a base di vino bianco, panna e scalogno.

Mescolate in una ciotola la ricotta con la crescenza, un pizzico di sale e una macinata di pepe. Cuocete la pasta in abbondante acqua salata in ebollizione, scolatela al dente, raffreddatela sotto l’acqua corrente e stendetela capovolta su un canovaccio da cucina pulito per asciugarla.

Sbucciate lo scalogno, tagliatelo a fettine sottili, riunitelo in una casseruola con il vino e la salvia e portate a ebollizione. Fate ridurre il vino della metà , unite la panna, regolate di sale e pepe.

Filtrate la salsa e tenetela in caldo. Farcite la pasta con la crema di formaggi aiutandovi con un sac à  poche oppure utilizzando un cucchiaino.

Aggiungete 3-4 pezzettini di noce per ciascuno, avvolgete ogni conchiglione in una fetta di speck e fissatela con uno stecchino di legno.

Disponeteli su una teglia rivestita con carta da forno e lasciate abbrustolire lo speck sotto il grill. Suddividete la salsa bollente in 4 piatti fondi, ponete al centro i conchiglioni preparati e servite subito decorando a piacere con poche foglioline di alloro.